Giorni dopo che i media di tutto il mondo hanno riferito che la filiale di Labuan della China Construction Bank (CCB) aveva emesso i primi titoli in RMB della nazione alimentati da blockchain, la banca in questione si è mossa per negare la veridicità dei rapporti, aggiungendo che non ha collegamenti con „criptovalute incluso Immediate Edge„.

Sebbene la banca non neghi l’esistenza delle obbligazioni, o il suo collegamento con la loro emissione, ha tenuto a precisare che si tratta semplicemente del „lead arranger“ e del „lead advisor“ del progetto, con l’emissione effettiva che avviene tramite una società denominata Longbond e negoziabile sulla Borsa Fusang .

La filiale di Labuan della banca ha fatto l‘ annuncio sul suo sito web CCB Malaysia , affermando:

“La filiale NON è l’emittente dell’obbligazione. […] La filiale NON accetta criptovalute, incluso bitcoin, per il regolamento in nessuna delle sue transazioni bancarie. “

Labuan è un’isola del paradiso fiscale in Malesia

L’emissione – che dovrebbe avvenire a partire da oggi – ha fatto notizia in tutto il mondo. E gli acquirenti di obbligazioni saranno effettivamente in grado di acquistare obbligazioni di 100 USD e oltre, utilizzando USD o BTC, solo non tramite la banca stessa, ma piuttosto l’exchange con cui ha collaborato. Una dimensione obiettivo del programma totale di 3 miliardi di dollari.

Ma le testate giornalistiche di tutto il mondo, compresi molti in Cina, avevano, sembrava dedurre la banca, aver erroneamente riferito che l’emittente era la stessa BCC.

Questi includevano artisti del calibro del Financial Times, che recitava con il titolo: „China Construction Bank emetterà obbligazioni offshore basate su blockchain“.

Secondo un comunicato dell’11 novembre di Fusang, Longbond è una società per azioni e „uno Special Purpose Vehicle di cartolarizzazione istituito con l’unico scopo di emettere obbligazioni digitali e depositare i proventi presso CCB Labuan“. Lo scambio ha aggiunto che CCB Labuan avrebbe agito come „sponsor dell’elenco per l’accordo“.

L’annuncio non specificava da chi fosse stato istituito Longbond. Cryptonews.com ha contattato CCB per un commento

La natura appassionata della negazione del CCB sembra indicare che mentre il fervore per tutto ciò che riguarda la criptovaluta rimane alle stelle in Cina, le banche e altre grandi aziende hanno ancora paura di invocare l’ira di Pechino, che ha messo in atto una repressione quasi totale della criptovaluta a settembre 2017 e sta ora lavorando al suo yuan digitale.